Mon-Sun 09.00 - 18.30 +254 722 696 533

Domande più frequenti

La tua strada verso i parchi nazionali

La strada per i parchi nazionali da Diani Beach vi riporta a Mombasa in traghetto. Partiamo abbastanza presto la mattina per avere più tempo possibile nel primo parco. In determinate circostanze è possibile dover aspettare un po’ di più su questo traghetto. Questo non è calcolabile. Pertanto, i tempi di viaggio da noi indicati possono variare. La rete stradale keniota copre circa 62.600 km, di cui solo 15.000 km circa sono asfaltati. Nonostante le cattive condizioni, la rete stradale è percorribile tutto l’anno. Durante la principale stagione delle piogge, da aprile a maggio, tuttavia, le strade sterrate sono a volte percorribili solo con veicoli a quattro ruote motrici (4WD). In Kenya, l’antica tradizione inglese è quella di guidare a sinistra. Il sorpasso viene effettuato sul lato destro, e quando si gira, a sinistra prima di destra. Nei centri abitati c’è un limite di velocità di 50 km/h, nei parchi nazionali e nelle riserve di caccia da 30 a 40 km/h, sulle strade di campagna 100 km/h (con rimorchio 65 km/h, camper 80 km/h). Le cinture di sicurezza sono obbligatorie. Anche la guida con i fari anabbaglianti è obbligatoria durante il giorno.

Condotta per i parchi nazionali e le riserve nazionali

In linea di principio, tutti gli animali selvatici devono avere la priorità sui sentieri. Aspettiamo quindi a rispettosa distanza di sicurezza fino a quando non hanno attraversato o sgombrato il sentiero individualmente o in gruppo. Il limite di velocità di 40 km/h è rispettato per la vostra sicurezza e per gli animali selvatici. Aumenta anche le possibilità di vedere animali selvatici timidi e cauti come leopardi, linci del deserto o servali. Si prega di non incoraggiare l’autista a guidare troppo vicino agli animali pericolosi. Rimarremo sui sentieri e le piste prescritte, altrimenti distruggeremo inutilmente la vegetazione delle aree protette e cacceremo gli animali selvatici dai loro luoghi di riposo. C’è anche il pericolo di rimanere bloccati nella sabbia profonda o nel fango. Evitare rumori forti. Riducono le possibilità, per voi e per gli altri visitatori, di fare buone osservazioni nelle aree protette. Non cercate di spaventare gli animali urlando forte o battendo le mani nella loro quiete, in modo che alzino la testa o si cambino di posto per fare delle buone foto. Astenersi dal fotografare Masai se non si riceve il permesso di farlo.
È vietato raccogliere pietre, fossili, corna, conchiglie, coralli, piante, fiori, nidi e tutti gli altri oggetti naturali, preistorici o archeologici. Non gettare rifiuti e sigarette accese nella natura protetta. Anche il frammento di una bottiglia o di un vetro rotto può causare un incendio di un cespuglio per il suo effetto di combustione.
Per la vostra sicurezza, si raccomanda di lasciare il veicolo solo nei “campeggi” o nei “luoghi di picnic” designati, poiché gli animali selvatici sono generalmente indifferenti ai veicoli, ma possono reagire aggressivamente se visti dagli esseri umani a piedi.

Percorsi prescritti e velocità nei parchi nazionali

A differenza dei safari nel Massai Mara o nella riserva naturale del Serengeti con la maggior parte della fauna selvatica, le escursioni nei parchi nazionali si svolgono su percorsi fissi, che non devono essere lasciati. Questo serve a proteggere gli animali. La velocità massima consentita è di 40km/h. Siamo in costante contatto radio e anche via SMS con gli altri per arrivare il più rapidamente possibile in luoghi che potrebbero essere interessanti per voi.

I diversi territori

Si fa una distinzione tra i diversi territori:
I parchi nazionali hanno le più severe leggi sulla protezione degli animali. L’agricoltura o l’allevamento non sono consentiti all’interno del territorio. I visitatori sono autorizzati a guidare solo su sentieri segnalati. I viaggi notturni o i fotosafari a piedi non sono consentiti o sono soggetti a severe norme da parte delle autorità. Le logge o i campeggi nei parchi nazionali sono recintati e delimitati.
Le riserve nazionali (riserve nazionali o riserve naturali) sono aree protette, alcune delle quali possono essere utilizzate anche dalla popolazione locale. Alcune aree sono di proprietà privata e quindi non sono più soggette al controllo statale. Sono possibili gite notturne ed escursioni con guida.
I conservatori sono spesso riserve a gestione privata, spesso appartenenti a una fattoria o a un lodge. Molti confinano con i parchi nazionali, che spesso non sono recintati. Gli animali possono muoversi liberamente tra le singole aree.
I parchi nazionali e le aree protette sono uno dei motivi principali per cui i visitatori vengono in Kenya, insieme al turismo balneare. Con i biglietti d’ingresso garantiscono la conservazione delle aree protette e offrono alla popolazione locale opportunità di lavoro. Inoltre, sono una protezione efficace contro il bracconaggio.

Orari di apertura dei parchi nazionali

Ci sono orari di chiusura fissi che dobbiamo rispettare. I viaggi notturni desiderati sono possibili solo in territori non soggetti a controllo statale.
Parchi nazionali e riserve, tutti i giorni dalle 6 alle 19, ingresso fino alle 18.00 al più tardi.
Parchi nazionali
I parchi nazionali sono aree completamente protette. Sono principalmente riservati al gioco. Le visite da parte dei turisti sono consentite.
Riserve nazionali
Le riserve nazionali non possono essere cacciate. L’uso umano, come il pascolo del bestiame, il taglio e la raccolta del legname, l’agricoltura, la costruzione di case e le risorse minerarie, è tollerato.

Dogana

Gli articoli per uso personale possono essere trasportati in franchigia doganale. Questo include (soggetto a riesportazione): una macchina fotografica, un computer portatile, un binocolo, una tenda e altre attrezzature da campeggio e sportive. Gli oggetti di valore devono essere dichiarati per iscritto.

Assicurazione

Assicurazione di responsabilità civile:
In Kenya non esiste un’assicurazione di responsabilità civile obbligatoria. Tuttavia, si raccomanda vivamente di stipulare un’assicurazione di responsabilità civile e un’assicurazione completa per tutta la durata del soggiorno.
Assicurazione annullamento viaggio:
Si consiglia di stipulare un’assicurazione di annullamento del viaggio in caso di malattia.
Assicurazione bagagli:
L’assicurazione bagagli vi rimborsa le spese sostenute a causa della perdita o del furto del vostro bagaglio o di parti di esso. Tuttavia, è necessario verificare in dettaglio se, ad esempio, sono assicurati anche oggetti di valore o costose attrezzature cinematografiche o fotografiche.
Assicurazione sanitaria di viaggio:
Si consiglia vivamente di verificare con la vostra assicurazione sanitaria pubblica se la vostra assicurazione copre anche il vostro soggiorno all’estero. In caso contrario, dovreste stipulare un’assicurazione sanitaria privata supplementare per i viaggi all’estero, ad esempio con un’assicurazione sanitaria per l’estero. In ogni caso, devono essere conservate le ricevute ufficiali delle fatture mediche e dei medicinali.
Certificato di assicurazione del prezzo del viaggio:
È una garanzia che sarete rispediti dal paese di destinazione al vostro paese di origine se nel frattempo la vostra azienda di viaggi è fallita.
Assicurazione di ritorno del volo:
Per i casi gravi di malattia o di incidenti in Kenya, è necessario stipulare un’assicurazione per il rimpatrio dei voli.

Incidente / chiamata d'emergenza

La polizia può essere raggiunta in caso di emergenza chiamando il 999.

Mancia

In molti ristoranti e hotel il 10% del costo del servizio è già incluso nel conto. Di solito si dà ancora una piccola mancia. Naturalmente, durante un safari non bisogna dimenticare di dare la mancia all’autista. Di solito circa 5-8 dollari al giorno per persona, con un buon servizio a volte un po’ di più. Un suggerimento è previsto anche per tutti i servizi. Anche il personale del campo si aspetta una mancia (qui circa 5 dollari al giorno per ospite per tutto il personale del campo tranne che per le guide – qui di solito c’è una cosiddetta cassetta delle mance).

Incontri con gli animali

Quando si incontrano animali selvatici, la massima priorità deve essere quella di non disturbarli. Non è assolutamente permesso forzare un animale in una posa fotogenica lanciando un sasso, applaudendo o urlando. È accettabile avvicinarsi a un animale solo se non mostra alcuna preoccupazione. Non appena un animale mostra reazioni diverse dal semplice guardare l’auto, deve essere fermato immediatamente. Una particolare cautela deve essere esercitata con animali grandi, difensivi e imprevedibili come bufali, ippopotami, elefanti e rinoceronti e con animali molto timidi come leopardi e ghepardi. È meglio osservare da lontano come si sviluppa la situazione tra la potenziale preda e il predatore senza influenzare gli eventi naturali, altrimenti si può verificare rapidamente un incidente.

Elettricità

In generale, troverete collegamenti con corrente alternata 220-240 Volt (50-60 Hz). Questa tensione è adatta per gli apparecchi elettrici dell’Europa centrale come asciugacapelli, rasoi e per la ricarica delle batterie di videocamere e torce elettriche, ecc. In alcuni hotel e alberghi, tuttavia, ci sono anche collegamenti per rasoi a 110 volt. Per utilizzare le prese è necessario un adattatore a 2 o 3 fori, che si può acquistare nei supermercati di Nairobi o Mombasa. È anche possibile portare da casa un adattatore per il mondo nel bagaglio. Si prega di tenere presente che in molti campi e lodge i generatori di solito forniscono elettricità solo su base oraria.

Lingue

Le lingue ufficiali e commerciali sono l’inglese e il kiswahili, quest’ultimo è la “lingua franca” dell’Africa orientale, una lingua fonetica composta da elementi di vari dialetti bantu e fortemente influenzata dall’arabo. Inoltre, in Kenya si parlano altre 50 lingue e dialetti diversi. È di grande vantaggio per voi, soprattutto come viaggiatori individuali, se conoscete alcune parole e frasi in kiswahili. Si può ottenere grande simpatia dalla gente del posto quando si riconosce che ci si sta provando con una lingua africana. Inoltre, incontrerete sempre persone che non capiscono l’inglese. Il Kiswahili è molto comune in tutta la regione dell’Africa orientale. Ne parlano circa 50 milioni di persone.

Souvenirs

Con l’abbondanza di souvenir offerti, è difficile distinguere tra opere d’arte autentiche e produzione di massa (anche oggetti realizzati all’estero).
Sculture in legno:
Le più preziose sono le sculture in ebano. Si riconoscono per il loro colore nero, ma ancora più chiaramente per il loro peso elevato. La maggior parte delle sculture sono fatte di altri legni più leggeri (ad esempio il palissandro), che spesso sono dipinti solo di nero. Si suppone che simulino l’ebano. I motivi sono per lo più maschere, persone, animali, portatovaglioli, braccialetti, ecc.
Sculture in pietra ollare:
Sono originari della tribù dei Gusi, nel Kenya occidentale. La cosa migliore è acquistare le scacchiere e le figure, i candelieri, le ciotole e le scatole dei gioielli realizzati nei laboratori degli artigiani stessi, dove le pietre ollare prendono la loro forma.
Batik:
Questa tecnologia, nata in Indonesia, ha conquistato anche il mercato keniota. Motivi africani, lavorati su cotone o seta, brilleranno verso di voi colorati e trasparenti sotto il sole equatoriale.
Altri souvenir:
Troverete anche una sovrabbondanza di lance, frecce e archi, spade, scudi, tamburi, calabroni di zucca, brocche di argilla, cestini, teli di cotone colorati, collane, bracciali, pietre preziose e semipreziose, figure in bronzo e molte altre cose.

Sicurezza e criminalità

In generale, il Kenya ha un alto livello di criminalità di strada, furti con scasso e, nel peggiore dei casi, rapine e omicidi. Soprattutto nelle città e nei luoghi visitati dai turisti ci sono molti furti. Nella provincia del Nord Est, così come nella zona tra Malindi e Lamu, ci sono notevoli problemi di sicurezza, tra cui il pericolo di banditi armati. i turisti dovrebbero spostarsi nelle città solo in gruppo e non dovrebbero portare con sé oggetti di valore in modo visibile. Di notte non si deve lasciare l’alloggio. Dopo il tramonto è consigliabile utilizzare i taxi (non i mezzi pubblici) per spostarsi. Di notte si dovrebbe evitare il centro di Nairobi e Mombasa e tutte le strade principali, e fare attenzione quando si utilizzano le carte bancarie (pagamento con carta di credito, prelievi ai bancomat). Non sono escluse le osservazioni, che possono portare ai cosiddetti rapimenti espressi, in cui soprattutto gli stranieri occidentali vengono trattenuti per diverse ore per prelevare grandi quantità di denaro con le loro carte di credito. La polizia punisce i reati in modo molto severo. In caso di rapina e violenza, viene comminata anche la pena di morte.
Misure precauzionali al di fuori dell’area dell’hotel o di aree protette come zone residenziali chiuse, ville, ecc.
Evitate i vicoli bui delle grandi città. Mettetevi al sicuro, soprattutto di notte. Porta il denaro sul tuo corpo nascosto nel taschino e nella cintura con i soldi. Utilizzate le casseforti dell’hotel per i vostri oggetti di valore. Non mostrare grandi quantità di denaro contante in pubblico. Non portate con voi gioielli e orologi costosi quando viaggiate. Fate attenzione in mezzo alla folla. E’ qui che i borseggiatori hanno le migliori possibilità. Le borse sono oggetti ricercati. Custodite voi stessi la vostra auto o parcheggiatela solo in parcheggi custoditi. I furti d’auto sono molto comuni. Non lasciatevi attirare in un’imboscata. I viaggiatori individuali che visitano i parchi nazionali senza la supervisione di un gruppo dovrebbero pernottare nei lodge esistenti o nei campeggi sorvegliati. Con i tour organizzati (ad esempio i safari) non c’è alcun pericolo oltre il livello abituale.

Tempo di viaggio e clima

Il clima del Kenya è molto ben tollerato. Anche se il Kenya si trova ai tropici, il clima degli altipiani in particolare è uno dei più piacevoli della terra. Caratteristico per i tropici è l’equinozio quasi assoluto, che oscilla solo di mezz’ora nell’arco dell’anno. Il crepuscolo è solo molto breve. Ma non si può parlare di un clima uniforme in Kenya. Per quanto riguarda il tempo, il rilievo e la diversa altitudine (da 0 a 5.199 m) come anche le diverse direzioni dei venti alisei giocano un ruolo importante.
Si può dividere il paese in quattro zone climatiche:
Regione costiera
– Da gennaio a marzo – caldo e umido
– Aprile, maggio – stagione delle piogge
– Da giugno a ottobre – caldo e umido
– Novembre, dicembre – stagione delle piogge
Altopiano
Qui le condizioni climatiche sono molto piacevoli.
– Da gennaio a marzo – asciutto e caldo
– Aprile, maggio – stagione delle piogge
– Da giugno ad agosto – fresco secco
– Settembre, ottobre – caldo secco
– Novembre, dicembre – stagione delle piogge
Semideserto e deserto
– Da ottobre ad aprile – da caldo secco a caldo torrido (a volte oltre 40 °C)
– Maggio – pioggia leggera
– Da giugno a settembre – da caldo secco a caldo
Lago Vittoria
da caldo a caldo e umido tutto l’anno, pioggia in tutte le stagioni. L’enorme superficie d’acqua del lago Vittoria crea un microclima dovuto alla grande quantità di evaporazione sotto il caldo sole equatoriale e la pioggia che cade di nuovo.
In Kenya si registrano generalmente due periodi di pioggia:
– la cosiddetta lunga stagione delle piogge, da aprile a maggio.
– la cosiddetta breve stagione delle piogge – da metà ottobre a novembre/dicembre
Questa è anche la base per il flusso di turisti:
L’alta stagione va dal 15.12. al 31.3. e dal 1.7. al 31.10. La bassa stagione va dal 1.4. al 30.6. e dal 1.11. al 14.12. Ma anche una vacanza durante la stagione delle piogge può essere molto attraente. La terra diventa verde, i colori diventano più intensi e la formazione delle nuvole è fantastica. Tuttavia, alcune strade di terra sono percorribili solo con il fuoristrada o non lo sono affatto.

Uso dei droni in Kenya

I droni in Kenya sono inizialmente proibiti in linea di principio. Già l’importazione senza l’autorizzazione appropriata può portare a problemi in aeroporto. Chi non può presentare i permessi appropriati quando entra in Kenya, rischia che i droni vengano confiscati e che vengano riconsegnati solo all’uscita dal Paese. A seconda dei funzionari può anche essere possibile che venga comminata una multa. A questo punto sconsigliamo vivamente di usare anche il minimo tentativo di usare una multa per convincere un funzionario a non tenerne conto e a confiscare il drone. Inoltre, è vietato trasportare droni nel bagaglio a mano dagli aeroporti kenioti. Il drone deve quindi essere registrato con i bagagli. A causa di nuove modifiche di legge, tuttavia, le batterie devono ancora essere conservate nel bagaglio a mano.
Quali permessi sono necessari.
In primo luogo, è necessario un permesso dell’Autorità dell’aviazione civile del Kenya e del Ministero della Difesa. Secondo alcune fonti, tali permessi sono rilasciati solo in casi individuali per i media o le produzioni cinematografiche. Quindi difficilmente sarà possibile filmare in privato. Se si prevede di utilizzare le registrazioni a fini commerciali, questo dovrebbe essere chiarito nella domanda e si dovrebbe anche avere l’autorizzazione a farlo. In caso contrario, la commercializzazione non è consentita (questo vale già se si guadagnano soldi con i video e gli spot pubblicitari di Youtube).

Posta, telefono, internet

Non c’è un servizio di consegna a domicilio al Kenyan Post. Dovete sempre utilizzare la casella postale. Gli uffici postali sono contrassegnati con le lettere PTT (Posta, Telefono, Telegrafo). Le cassette postali e le cabine telefoniche hanno una vernice rossa. La carta intestata, le cartoline, i francobolli, i francobolli, la carta intestata, le buste e le cartoline sono disponibili come di consueto nei negozi di cartoleria, nei chioschi e negli alberghi. Una lettera o una cartolina con la nota non dimenticata “Posta aerea” richiede di solito 7-10 giorni. Da luoghi remoti, da rifugi nei parchi nazionali può richiedere molto più tempo. I francobolli sono disponibili presso gli uffici postali, le bancarelle di strada, gli hotel e i lodge. Dovete sempre assicurarvi di avere una scorta sufficiente.
Telefono
La rete telefonica nazionale e internazionale è molto buona per gli standard africani. Si può telefonare dalle cabine telefoniche pubbliche (anche con monete), dagli uffici postali o dall’albergo con schede telefoniche, che si possono acquistare negli uffici postali o nei chioschi. Quando si telefona dalla camera d’albergo, può essere applicata una maggiorazione del 50-100%. Nelle zone rurali, invece, è possibile accedere alla rete solo attraverso la cosiddetta “Radio Call”. Il prefisso per il Kenya è 00254. Il prefisso per la Germania è 00049, per l’Austria 00043 e per la Svizzera 00041. Poi bisogna comporre ad esempio il prefisso della città tedesca senza lo “0” e infine il numero dell’abbonato. Tuttavia, la maggior parte delle chiamate verso l’Europa deve essere commutata. Le chiamate internazionali dai cosiddetti edifici “Telephone Exchange”, di solito situati vicino all’ufficio postale, sono molto più economiche che se effettuate da un albergo. Le telefonate con il cellulare sono possibili in Kenya, soprattutto nelle zone centrali, ma anche in campagna, dove spesso non c’è la linea fissa. Potete anche ottenere facilmente una carta prepagata per il vostro cellulare. Il numero di internet café in Kenya è in costante aumento, ad esempio a Nairobi, Mombasa, Malindi, Malindi, Nakuru, Lamu e sulla spiaggia di Diani Beach.
Orari di apertura
Le banche sono di solito aperte dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 15, le banche dell’aeroporto sono aperte tutti i giorni fino a 24 ore.
Gli uffici postali hanno i seguenti orari di apertura: Lun-Ven 8.30-17, Sab 8-13.
I negozi sono solitamente aperti dal lunedì al sabato tra le 8.00 e le 17.30 con una pausa pranzo variabile. I negozi di alimentari sono spesso aperti più a lungo la sera. I “Dukas” indiani, piccoli negozi, sono talvolta aperti fino a tarda sera.
Parchi nazionali e riserve, tutti i giorni dalle 6.00 alle 19.00, ingresso fino alle 18.00 al più tardi.

Abbigliamento

In città:
Un esterno troppo casual non è appropriato negli hotel di lusso. Durante il giorno si consiglia di indossare abiti leggeri o un bel vestito, ma anche un bel “look da safari” con pantaloni lunghi. La sera, si dovrebbe vestire in modo classico o sportivo, a seconda dell’occasione. Per quanto riguarda il clima, Nairobi e Nakuru hanno un moderato clima di montagna, mentre a Mombasa e Kisumu troverete un clima tropicale caldo e umido.
In un safari:
Tute da safari, ma anche altri capi d’abbigliamento resistenti, camicie con taschini, biancheria intima in cotone. Per i game drive di prima mattina nel veicolo safari si consiglia una giacca sottile con cappuccio. In alta montagna, maglioni di lana, giacca a vento, giacca a vento, impermeabile lungo e scarponi da montagna sono l’abbigliamento giusto. Le temperature possono scendere fino a -10°C di notte, a seconda dell’altitudine.
Sulla costa:
Per quanto riguarda il vostro abbigliamento, dovreste avere riguardo per la popolazione prevalentemente islamica della costa. Come uomo non dovresti andare in giro per i villaggi con i pantaloni corti e la parte superiore del corpo nuda e come donna non dovresti indossare una gonna troppo corta, una camicetta troppo stretta e una camicetta troppo larga. Gli abiti di cotone leggeri e ariosi sono comodi da indossare in contrasto con gli abiti sintetici. Nel complesso, si consiglia di confezionare indumenti esterni facilmente lavabili e non in ferro (viscosa). Negli alberghi e negli alberghi si possono far lavare e stirare i vestiti e la biancheria a pagamento. Quindi non portate con voi troppi vestiti.

Salute

Rispetto ad altri Paesi africani, l’assistenza medica in Kenya può essere descritta come buona. Ci sono circa 8.000 medici, di cui circa il 90% esercita nelle grandi città. L’orario d’ufficio dei medici è tra le 8 e le 18 nei giorni feriali. Un medico è raggiungibile in tutti i principali hotel. Se siete gravemente ammalati, dovreste visitare un ospedale.
Nairobi:
A Nairobi ci sono due ospedali di livello internazionale:
– Aga Khan Hospital, 3a, Parkland Avenue, Limuru Road, Nairobi, Tel. 020-366 2000, akuh.nairobi@aku.edu
– Nairobi Hospital, Argwings Kodhek Road (distretto di Nairobi Hill, da non confondere con il Kenyatta Hospital, anch’esso situato lì), tel. 0703 082 000, hosp@nbihosp.org, www.Thenairobihosp.org
Mombasa:
Aga Khan Hospital Mombasa, Vanga Road (angolo di viale Nyerere), Kizingo, Mombasa, tel. 041-222 7710-5.
Le città più grandi hanno farmacie, che si trovano sotto il nome di „chemistry“ e sono di alto livello.

Malaria

Un milione di bambini muoiono ogni anno solo nell’Africa tropicale. In Kenya, circa il 60% dei pazienti ospedalieri è infetto da malaria. La “Malaria tropica” è mortale nel 10-20 % dei casi se non trattata. Il rischio di malaria è presente in tutto il paese tutto l’anno. Un aumento della trasmissione della malaria si osserva anche negli altipiani, soprattutto nella regione di confine con l’Uganda. C’è un basso rischio di infezione nell’area urbana di Nairobi. Le aree al di sopra dei 2.500 metri sul livello del mare sono considerate prive di malaria. C’è un aumento del rischio di trasmissione durante e subito dopo la stagione delle piogge. Nelle zone di villeggiatura intorno all’Oceano Indiano (ad es. Mombasa, Malindi), il Lago Vittoria e i fiumi di pianura (ad es. il fiume Tana), la trasmissione della malaria è prevista tutto l’anno.
Misure di protezione:
La protezione contro le punture di zanzara è la più importante misura preventiva contro la malaria! Si consiglia di dormire sotto una zanzariera di notte e durante il giorno nelle zone a rischio per coprire parti del corpo nude con indumenti preferibilmente leggeri color cachi e di indossare una protezione per la testa della zanzara. Lo spray per zanzare, la pomata per zanzare o le spirali di incenso acceso possono tenere lontane le zanzare della malaria. La peretrina è un veleno per insetti a base di piretro che viene utilizzato per impregnare la zanzariera. Inoltre, deve essere effettuata una profilassi medica contro la malaria. È meglio consultare l’ufficio sanitario locale o un istituto tropicale per conoscere il rimedio attualmente più efficace per la regione di destinazione, il dosaggio o una combinazione di diversi farmaci.
La malattia del sonno:
Viene trasmessa dalla puntura della mosca tse-tse, che si verifica in zone con una concentrazione di selvaggina particolarmente elevata. Il rischio di infezione è relativamente basso per i viaggiatori.
Serpenti e scorpioni:
Il rischio di essere morsi da un serpente o punti da uno scorpione è estremamente basso. Dovreste muovervi lentamente e con attenzione su un terreno confuso, tuttavia, così anche i serpenti velenosi saranno al sicuro da voi. I serpenti attaccheranno per paura e autodifesa solo se la loro distanza di fuga è inferiore alla loro distanza di fuga. Misure preventive: Si consiglia di indossare scarpe a collo alto nel cespuglio. Quando si pernotta in tenda, si consiglia di controllare le scarpe al mattino prima di indossarle per precauzione.
Scottature e colpi di calore:
All’inizio del viaggio non bisogna esporsi alla luce diretta del sole per troppo tempo. Attenzione al sole tropicale, soprattutto sulla spiaggia e in alta montagna. Cercate di stare all’ombra durante il caldo di mezzogiorno. Bevete molto, copritevi la testa e proteggete la vostra pelle nuda con crema solare ad alto fattore di protezione e abbigliamento.
Vaccinazioni:
La vaccinazione contro la febbre gialla è obbligatoria per tutti coloro che entrano nel Paese a partire dall’età di 1 anno. Quando si entra da una zona con febbre non gialla (ad esempio in Europa) la vaccinazione non è obbligatoria, ma è raccomandata. La vaccinazione o richiamo è consigliata anche per il tetano, la difterite, la poliomielite, l’epatite A e B e la febbre tifoide.
Acqua potabile:
In tutti i luoghi, compresi Nairobi, Mombasa e i lodge, per motivi di salute non si dovrebbe godere l’acqua non bollita o senza prendere le compresse Micropur o lavarsi i denti con essa.
Il colera:
Dall’inizio del 2017, i casi di colera sono stati osservati sempre più spesso in Kenya. Il primo focolaio di colera segnalato nel 2017 si è verificato nel distretto di Tana River. L’epidemia di colera colpisce sia la popolazione in generale che i campi profughi.
AIDS:
In linea di principio, il contatto sessuale non protetto comporta il rischio di gravi infezioni, compresa l’infezione da HIV.

Denaro

La moneta nazionale è lo scellino del Kenya (KSh). In Kenya, il sistema decimale è utilizzato anche per la suddivisione della valuta. 1 KSh ha 100 centesimi. Ci sono banconote da 5, 10, 20, 20, 50, 100, 200 e 500 KSh, monete da 5, 10 (rame) e 50 centesimi, 1 e 5 KSh (argento). 20 KSh sono anche noti come “sterline del Kenya”. I tassi di cambio sono soggetti a forti fluttuazioni a causa dell’elevato tasso di inflazione, per cui è consigliabile verificare il tasso attuale con il proprio istituto finanziario prima di partire. Banconote e monete in valuta locale possono essere trasportate all’entrata e all’uscita fino ad un equivalente massimo di 6.000 dollari USA. Al momento di lasciare il paese, la valuta nazionale rimanente può essere cambiata di nuovo. La valuta estera può essere cambiata solo da banche, hotel, alberghi, lodge, agenzie di viaggio e alcuni negozi di souvenir. La valuta estera può essere importata in quantità illimitata. Dovreste conservare i moduli di ricevuta per il cambio di valuta in modo da poterli esibire in occasione di eventuali controlli. Attenzione al rischio di cambio illegale di valuta. E’ vietato sotto pena. Quindi togliete le mani dallo scambio nero, per quanto allettante possa sembrare l’offerta! I Travelers Cheques non sono più quasi più accettati e possono essere cambiati in banca solo con grande dispendio di tempo.
Carte di credito:
Visa e Mastercard sono ampiamente accettate in tutto il paese (nelle città più grandi), American Express e Diners Club piuttosto raramente. Se fate viaggi più lunghi all’interno del paese, assicuratevi di avere abbastanza denaro.

Voli

Atterrerete all’aeroporto internazionale Jomo Kenyatta di Nairobi, a 15 km dalla capitale. Gli autobus o i taxi dell’aeroporto vi porteranno alla metropoli del Kenya o all’aeroporto nazionale Wilson, da dove partono la maggior parte dei voli nazionali. Faccia riconfermare il suo volo per essere informato in tempo di eventuali variazioni degli orari di partenza. Quasi tutte le compagnie aeree conosciute volano a Nairobi e Mombasa.
Voli nazionali
Da Diani Beach ( Aeroporto di Ukunda ) è possibile volare all’aeroporto Wilson di Nairobi. I voli partono ogni giorno e quasi ogni ora fino alle 16:00 circa. Dall’aeroporto nazionale Wilson di Nairobi all’aeroporto internazionale Kenyatta di Nairobi sono circa 18 km.

Vacanze

– 1° gennaio – Capodanno – Festa nazionale
– Marzo / Aprile – Venerdì Santo – Festa nazionale
– Marzo / Aprile – Lunedì di Pasqua – Festa nazionale
– 1° maggio – Festa del lavoro – Festa nazionale
– 1 giugno – Madaraka Day – Giorno dell’autodeterminazione – Festa nazionale
– Eid al-Fitr (Festa della rottura del digiuno) – Festa nazionale
– Eid al-Adha (Festa islamica del sacrificio) – Festa nazionale
– 10 ottobre – Moi Day – Festa nazionale
– 20 ottobre – Mashujaa Day – Festa nazionale
– 12 dicembre – Giorno dell’Indipendenza – Festa nazionale
– 24 dicembre – Festa della vigilia di Natale o giorno della commemorazione, Christian
– 25 dicembre – Natale – Festa nazionale
– 26 dicembre – Natale – Festa nazionale

Mangiare e cenare

Popoli e culture africane, orientali, asiatiche ed europee hanno portato in Kenya diversi piatti, abitudini alimentari e di consumo. La cucina africana è spesso molto semplice. Gli ingredienti di base dei piatti sono solitamente costituiti da mais, fagioli, miglio, banane e tuberi (patate, marmellate, manioca). Sono raffinati da verdure, frutta, capra e carne di manzo e – ove disponibile – da pesce. Sono famosi anche i piatti etiopici di Kababab. Ma anche in molte logge i piatti africani sono preparati molto gustosi. Il Posho è il piatto nazionale a base di mais dolce. Ugali è un porridge di mais, il ripieno dello stomaco dell’”omino”. Matoke è composto da banane cotte. Kuku ya packa è pollo cotto nel latte di cocco.
La cucina orientale-asiatica
Gli asiatici hanno ampliato il menu introducendo riso, frutta secca e vari tipi di spezie. I piatti dei ristoranti indiani sono molto gustosi, ma spesso troppo piccanti per i nostri palati. Alcuni nomi di piatti:
– Rongongosh è montone con salsa piccante.
– Makharwallah è pollo con riso.
– Le masala sono pesci ripieni, grigliati sulla brace.
– Chipatee e Popadom sono specialità di pane.
– Il gelato Kulfi ha il sapore dello zafferano.
La cucina europea
I portoghesi hanno importato cibo dal Brasile, appena scoperto, in Kenya, ad esempio mais, patate dolci, manioca, banane, ananas, peperoncini e peperoni. Gli inglesi hanno arricchito la cucina del Kenya con nuovi formaggi e latticini delle loro razze ovine, caprine e bovine importate. Coltivano anche il caffè nelle regioni montuose della regione centrale. La buona qualità e l’abbondante scelta di cibo e bevande nei lodge e nei grandi alberghi è travolgente. Le persone cercano di superare l’altro con l’ingegno nella preparazione e nella decorazione. Alcuni visitatori reprimeranno le loro intenzioni riguardo alla limitazione delle calorie in vista delle deliziose esposizioni al buffet. Deliziosa è anche la varietà di frutta esotica (frutto della passione, mango, papaia, ananas, agrumi, banane), dolci, budini, torte e crostate. Il Kenya produce da 50 anni la sua birra dal buon sapore. Le marche di birre in bottiglia sono: “White Cap”, “Tusker Lager” e “Tusker Premium”. Consigliamo anche vini puri, per lo più secchi, provenienti dal Sudafrica a prezzi moderati, mentre i vini europei, con elevati dazi all’importazione, sono molto costosi. Per quanto riguarda le bevande analcoliche, oltre al caffè e al tè, sono particolarmente consigliati i succhi di frutta a base di frutti della passione appena spremuti, mango, ananas e arance.

Ingresso in Kenya

Per il Kenya è necessario un visto. Le tasse sono di US$ 50 per un visto di ingresso singolo e di US$ 100 per un visto di ingresso multiplo. I visti possono essere rilasciati online all’indirizzo http://evisa.go.ke/evisa.html. Poiché l’approvazione e il rilascio del visto elettronico può richiedere almeno sette giorni, i viaggiatori dovrebbero quindi richiedere il visto con largo anticipo. Non sarete informati automaticamente quando il vostro eVisa sarà rilasciato. Per questo motivo è necessario effettuare il login regolarmente per controllare e poi stampare l’eVisa.
Si prega di notare che i visti sono validi solo per 90 giorni fino all’ingresso. Pertanto, non applicare troppo presto o troppo tardi.
Otterrete il visto per un facile ingresso:
– Online (eVisa) solo sul sito web: https://www.evisa.go.ke o https://www.ecitizen.go.ke
– All’ambasciata
– All’ingresso (visto all’arrivo) all’aeroporto in Kenya o alle frontiere ufficiali.
A partire dal 1° febbraio 2016, i bambini di età inferiore ai 16 anni che entrano in Kenya accompagnati da un adulto saranno esenti dalle tasse per il visto.
Per entrare nel Paese, oltre alla stampa del visto elettronico, è necessario un passaporto valido per almeno sei mesi dopo la fine del viaggio. Ogni bambino ha bisogno di un proprio documento d’identità. Per i membri di altre nazionalità possono essere richiesti altri requisiti per il passaporto e il visto. Si prega di informarsi presso la rispettiva ambasciata. Per i viaggiatori che si recano anche in Kenya, Uganda e/o Ruanda, c’è anche la possibilità di richiedere il visto congiunto per l’Africa orientale di questi tre Paesi. Dà diritto a più ingressi in Kenya, Uganda e Ruanda entro 90 giorni. Il costo di questo è di 90 dollari USA e nessun visitatore in Kenya può accettare un lavoro retribuito o stabilirsi in Kenya senza un permesso di lavoro. A tal fine è necessaria l’autorizzazione dell’Ufficio Immigrazione principale. Per l’Africa orientale, si raccomanda un’assicurazione Flying Doctor, che comprende un volo di salvataggio in ospedale in caso di emergenza medica. La preghiamo di verificare se questa assicurazione è inclusa nella sua assicurazione sanitaria internazionale. Il Flying Doctor Service costa, a seconda della durata e dell’area, tra i 25 e i 50 dollari circa. Una vaccinazione valida contro la febbre gialla è richiesta per tutti i viaggiatori di età superiore a 1 anno quando entrano da una zona con febbre gialla. Questo non è richiesto, ma è consigliato per i viaggiatori provenienti dall’Europa. Le informazioni di cui sopra sono soggette a modifiche in qualsiasi momento. Si prega di fare riferimento alle informazioni fornite dal vostro Ufficio Estero per eventuali modifiche/emendamenti. Si prega di contattare urgentemente le rispettive ambasciate prima di prenotare o iniziare il viaggio.

Shopping

La gamma di beni per la vita quotidiana, come cibo e altri beni di consumo, è sufficientemente disponibile nel cuore più densamente popolato del Kenya, nella regione costiera e nel lago Vittoria. Per cose più speciali, le strutture per lo shopping nelle città di Nairobi, Mombasa, Kisumu e Nakuru sono ancora le migliori. Ma anche ai mercati settimanali e nei dukas delle piccole città, i commercianti hanno pronta una variopinta gamma di merci che vanno dalla ceramica e dalla cesteria, dalla frutta del campo e dell’orto, alla carne di manzo e di pecora, ai polli vivi, ai coloratissimi tessuti di cotone e alle sculture in pietra ollare e altri souvenir. I prezzi sono generalmente bassi secondo gli standard europei per i beni di produzione nazionale e molto elevati per gli articoli importati come macchine fotografiche, film, radio, televisori, apparecchi elettrici e automobili. Se i prezzi vi sembrano eccessivi, non dovete aver paura di contrattare. Con un po’ di abilità si possono negoziare i prezzi indicati dal concessionario. Contrattare può e dovrebbe essere molto divertente. La risposta è eloquente e vivace come uno sport da parte dei commercianti. Non comprate sculture in avorio, cestini di zampe di elefante, pellicce e pelli di gatti maculati e altri trofei di animali selvatici in via di estinzione della loro specie!

Guidare da soli

Le violazioni dei limiti di velocità e l’abuso di alcol possono comportare pesanti multe. Quando si noleggia un’auto, è necessario presentare la patente di guida internazionale e la carta di credito. Potrebbe essere necessario identificarsi con un documento diverso dalla patente di guida (passaporto, carta d’identità). Il noleggiatore di un’auto a noleggio deve avere un’età compresa tra i 23 e i 70 anni e deve essere in possesso della patente di guida da almeno due anni.
Pericoli
Le condizioni delle strade non sono sempre ottimali. Numerose buche devono essere evitate. Spesso diverse buche si susseguono in fila o sono inaspettatamente profonde. Qui il traffico dello slalom è spesso preferito al traffico ufficiale di sinistra. Gli animali attraversano improvvisamente la strada. Cambiamenti fondamentali delle condizioni stradali dovuti ai temporali (pioggia). Un ulteriore rischio di incidenti è rappresentato dalle cattive condizioni dei veicoli. I difetti dei freni, degli indicatori e delle luci dei freni, le forature, le fratture dell’asse e del telaio dovute al sovraccarico o alla ruggine possono avere conseguenze devastanti. Anche i veicoli che sono stati lasciati sdraiati e non sono stati messi in sicurezza in modo adeguato sono un pericolo. Se volete assolutamente guidare voi stessi, dovreste assolutamente ottenere informazioni sulle condizioni delle strade e sulla situazione della sicurezza dal vostro club automobilistico locale e dalla vostra ambasciata a Nairobi in anticipo.
Condotta nei confronti degli agenti di polizia
Se vi comportate in modo contrario al codice della strada, dovreste scusarvi con la polizia. Se siete tenuti a pagare, è consigliabile non essere riluttanti e non essere di buon occhio.
Giri di notte
Evitateli se possibile. Auto, carri, motociclette e biciclette, persone, animali sulla strada e tratti di strada poco illuminati sono difficili da individuare al buio. È richiesta una particolare cautela.
Condizioni stradali
Informatevi in anticipo sulle condizioni della strada, soprattutto durante e dopo la stagione delle piogge con la gente del posto o con l’”Automobil Association of Kenya” su Internet all’indirizzo www.aakenya.co.ke (“Major Road Condition”), aak@aakenya.co.ke o Tel. 020-6979000, 0709933000, 0709933000, 0733620966.Numero di emergenza: 020-697999999, 0709933999, Cellulare: 0720227267, 0720261576, 0734611049.
Rifornimento
La fornitura di carburante con benzina premium, benzina normale e diesel (“gasolio”) può essere descritta come buona in Kenya. Non ci sono quasi nessuna strozzatura. Il Kenya è l’unico Paese dell’Africa orientale ad avere una propria raffineria di petrolio. La rete di stazioni di servizio è strettamente connessa alle aree più densamente popolate del Kenya. Anche i rifugi nei parchi nazionali hanno in parte stazioni di servizio proprie. Solo nel nord, scarsamente popolato, le stazioni di servizio sono spesso distanti tra loro almeno 500 km. È assolutamente necessario portare la propria scorta di benzina o gasolio in taniche di riserva! Nelle terre desolate del nord del Kenya si dovrebbe cogliere ogni occasione per fare rifornimento.
Parcheggiare un veicolo
Se possibile, si dovrebbe collocare in garage, recinzioni o cortili di alberghi e baite. Quando si fa la guardia nei parcheggi, è opportuno lasciare una mancia dopo la guardia.

× Come posso aiutarvi?